PROVA

BMW Serie R R 1200 RT 2014

Ora la RT sembra una sportiva
Con il boxer più potente e il nuovo telaio, la BMW “da viaggio” diventa veloce e divertente come mai finora. Ma il prezzo è alto e ci sono molti optional “obbligati”
Prezzo: 
€ 18.200
Peso: 
279,5 kg
Potenza: 
115,7 CV
Velocità: 
212,4 km/h
 
  • Comfort: 
    3
  • Posizione di guida: 
    4
  • Tenuta di strada: 
    3
  • Finiture: 
    3
  • Consumo: 
    3
  • Prestazioni: 
    3
    Average: 3 (1 vote)
  • Cambio: 
    3
  • Freni: 
    4
  • Vano sottosella: 
    1
  • Sospensioni: 
    3
Su strada
La nuova RT è molto più agile di quel che ci si aspetti, anche rispetto alle versioni precedenti. Entra in curva sicura e veloce, grazie anche alle sospensioni elettroniche regolabili sul rigido, poi una volta impostata la traiettoria la segue fedelmente. Anche i cambi di direzione sono molto rapidi. Il motore sfoggia una grande elasticità ai bassi, ma anche tanto vigore ai medi e un allungo potente agli alti. A proposito di elettronica, ABS e ASC evitano ogni rischio di perdita di aderenza in accelerazione e frenata, malgrado la potenza dell’impianto e il sistema Telelever che non “affonda” in staccata.

In autostrada
La RT è nata per viaggiare e può affrontare qualsiasi trasferta, anche la più impegnativa: basta regolare il parabrezza in altezza (il pulsante è sul manubrio), inserire il cruise control, regolare il volume dello stereo e via, si parte. L’autonomia è notevole (oltre 400 km), la sella comoda e ben imbottita (anche riscaldata, pagando 230 euro), il motore non vibra e non sente il carico, la trasmissione a cardano è fluida e non necessita di manutenzione, le borse laterali di serie hanno tutto lo spazio che serve. Utile per chi viaggia in due il baule centrale: aumenta lo spazio di carico e fa da schienale per il passeggero.

In città
Grande e grossa com’è, la R 1200 RT non sembrerebbe a suo agio in ambito urbano. E invece, incredibile ma vero, basta sganciare le borse per scoprire una specie di scooterone perfetto per l’uso di tutti i giorni: peso e ingombri sembrano svanire per magia in movimento. Sull’asciutto è perfetta la mappa Road, che  offre un’erogazione corposa a tutti i regimi: riprende da 50 km/h in sesta marcia da poco più di 1500 giri senza esitazioni. Sulla pioggia invece meglio la Rain. Le sospensioni ESA (optional “obbligato”) in modalità “soft” assorbono le asperità, mentre ABS e controllo di trazione vengono in aiuto sul bagnato.
 
PROVE CORRELATE
  • 13 Dicembre 2011
    Questa BMW nasce per lunghe trasferte con passeggero e bagagli. Ma se la cava bene anche nel misto e (senza borse) persino in città. Finiture e prezzo di lusso.

BMW Serie R

  • Prezzo€ 18.900
  • Peso274 Kg
  • Serbatoio25,0 l
  • Altezza sella81 cm
  • Lunghezza222 cm
COMMENTI
Ritratto di Eto.Demerzel
22 Novembre 2014 ore 09:43
A parte la sonora bidonata presa dagli acquirenti del modello precedente, mi chiedo come mai la: "moto turistica per eccellenza", collezioni una sfilza di 3 punti soltanto nella maggioranza delle voci in pagella. Con nemmeno un 5 mi sembra una delusione altro che moto turistica.
Ritratto di lupin72
24 Novembre 2014 ore 18:37
E la tanto decantata eccellenza teutonica dove si dovrebbe vedere? Concordo con Eto: su una moto del genere, non vedere neanche un 5 in pagella risulta davvero strano. Non trovarlo neanche alla voce posizione di guida (4) è davvero i solito.. Addirittura 3 alla voce confortevole ed a quella delle rifiniture! La domanda sorge spontanea: ma li vale davvero tutti gli € che costa???
Ritratto di fastpeppe
02 Marzo 2015 ore 15:42
Io sono un felice possessore di una Rt 1200 del 2005 e credo che i vostri giudizi specialmente nella sezione Confort, posizione di guida, finiture e tenuta di strada siano decisamente troppo bassi. Per cui capisco i dubbi espressi dai due precedenti commentatori
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
PROVE PER MARCA
Green Planet
LE ULTIME PROVE
  • Suzuki GSX-S 750 Yugen Carbon 2019
    La 4 cilindri di Hamamatsu ha muscoli da vendere e li mette in mostra. Generosa ma guidabile, la 750 è una naked sportiva che se la cava bene anche nel traffico. L'elettronica in dotazione è quanto basta, le sospensioni sono abbastanza rigide e il passeggero un po' sacrificato
  • Honda CB 650 R
    L'erede della Hornet interpreta l'attualità del settore naked con uno stile essenziale e prestazioni di tutto rispetto. Finiture adeguate e un prezzo corretto la rendono una moto che si fa volere bene subito, a patto di non essere "troppo" alti
  • Triumph Speed Twin 2020
    La bicilindrica inglese monta un bicilindrico di cubatura generosa, ma nonostante i 1200cc è potente il giusto e facile da guidare. Interpreta in chiave moderna i classici del settore: telaio doppia culla e due ammortizzatori al posteriore, sella ampia e comoda, anche se non è una moto per viaggiare