PROVA

BMW R nineT Urban G/S 2017

BMW R nine T Urban G/S - Fascino Tassellato
Sembra nata per le avventure, in realtà è una gran bella stradale, divertente come tutte le R nine T, con cui fare un po’ di sterrato. Ha buone prestazioni, dotazione essenziale, prezzo un po’ alto
Prezzo: 
€ 14.400
Peso: 
211,0 kg
Potenza: 
100,2 CV
Velocità: 
224,5 km/h
 
  • Comfort: 
    4
  • Posizione di guida: 
    4
  • Tenuta di strada: 
    4
  • Finiture: 
    4
  • Consumo: 
    3
  • Prestazioni: 
    5
    Average: 5 (1 vote)
  • Cambio: 
    4
  • Freni: 
    4
  • Vano sottosella: 
    2
  • Sospensioni: 
    4
su strada
Per qualcuno è solo una gran bella “moto da happy hour”. In realtà la Urban G/S è efficace su ogni percorso e ha un motore estremamente divertente, come tutte le R nine T. Il 1200 boxer ha tantissima coppia in basso e dei medi pieni e gustosissimi: la sua elasticità è tale che ci si potrebbe scordare del cambio, se il terminale di scarico non avesse una voce così goduriosa che ci si ritrova a cambiare marcia solo per il gusto di sentire il borbottio in  rilascio.  Molto efficace anche la ciclistica,: tra le curve la Urban G/S diverte perché nonostante il cerchio da 19” è rapida nello scendere in piega e stabile in percorrenza, grazie alle sospensioni con una taratura azzeccata che assorbe bene le piccole asperità. Lavorano bene anche l’ABS e il controllo di trazione, il loro ingresso è discreto e poco invasivo. Inaspettatamente valide su strada anche le gomme tassellate: in un primo momento bisogna abituarsi alle loro reazioni  “gommose”, poi offrono un buon compromesso tra tenuta e comfort. Sul bagnato invece bisogna evitare pieghe e reazioni brusche: l’aderenza è ridotta e il gas va dosato, anche l’elettronica più a punto non fa miracoli.

in autostrada
La mascherina allungata sopra il faro è solo “di bellezza”: sulla Urban G/S non c’è alcuna protezione aerodinamica, in autostrada pilota e passeggero sono esposti totalmente all’aria. Per il resto, la moto va benissimo anche per viaggiare: il motore a 130 km/h gira in souplesse, la posizione di guida è comoda, peccato per le vibrazioni agli alti regimi. Con le gomme tassellate, c’è qualche ondeggiamento dell’anteriore, ma niente di grave.

in fuoristrada
Il nome Urban G/S non è stato scelto a caso: nonostante le apparenze, questa è più una moto da strada che da fuoristrada. Il manubrio poco rialzato non aiuta la guida in piedi, le sospensioni hanno un’escursione limitata e la mancanza totale di protezioni non invitano ad affrontare l’offroad pesante con buche e tanto meno salti. Se si esagera infatti, ci vuole molto poco perché la forcella vada a fondo corsa col rischio di toccare (e danneggiare) “le zone sensibili” della moto. La bianca R nine T si apprezza invece parecchio sulle classiche strade bianche di campagna, dove è possibile divertirsi giocando col gas e sfruttando il vigore del motore.

in città
Ancora una volta il nome si dimostra azzeccato: nel traffico e sulle strade di città la Urban G/S si trova perfettamente a suo agio. La posizione di guida rialzata e l’ottima distribuzione dei pesi, permettono di svicolare agilmente tra le auto, mentre al semaforo si parte sempre per primi grazie alla spinta del motore ai bassi. Le sospensioni copiano bene le asperità stradali insieme alla sella, proteggendo efficacemente la schiena del pilota. Bene la frenata, anche con le gomme tassellate, grazie all’ABS. Con queste ultime sul bagnato bisogna fare attenzione, anche se c’è il controllo di trazione, perché l’aderenza inferiore alle coperture stradali può creare problemi su pavé e segnaletica orizzontale. L’unica cosa a cui bisogna fare davvero l’abitudine sono le occhiate della gente: tra la voce potente dello scarico e il look “dakariano”, non si passa mai inosservati!
PROVE CORRELATE
  • 16 Maggio 2022
    In viaggio è il top, ma va bene persino in città (facendoci l’occhio). Ha una dotazione elettronica al top. E un prezzo... al top (con gli optional “obbligati”)
  • 23 Agosto 2021
    La stradale tedesca è immediatamente riconoscibile alla prima occhiata, il boxer è garanzia di una guida sempre piacevole e la dotazione è quella "di sostanza" tipica delle moto bavaresi. Chi prende una R Nine T lo fa a ragion veduta... Ma anche il prezzo è da BMW
  • 11 Agosto 2021
    Forme classicissime, cura tedesca dei dettagli e l'elettronica non è un tabù: la cruiser della casa tedesca è un mix di moderno e tradizione, una moto con una spiccata personalità, equipaggiata con un possente bicilindrico boxer

BMW R nineT

  • Prezzo€ 14.400
  • Peso221 Kg
  • Serbatoio17,0 l
  • Altezza sella85 cm
  • Lunghezza218 cm
PROVE PER MARCA
LE ULTIME PROVE
  • Voge Valico 500DS 2021
    La crossover cinese offre molto a un prezzo contenuto: le sue concorrenti sono la Honda CB 500 X e la Benelli TRK 502 X e la Valico se la gioca sotto diversi punti di vista. Il motore non offre prestazioni da capogiro, ma l'insieme è ben riuscito e la qualità generale è più che soddisfacente
  • BMW R 1250 RT 2022
    In viaggio è il top, ma va bene persino in città (facendoci l’occhio). Ha una dotazione elettronica al top. E un prezzo... al top (con gli optional “obbligati”)
  • Suzuki GSX-S 1000 2021
    La quattro cilindri di Hamamatsu è tutta nuova, nella sostanza e nell’aspetto. Presenta linee spigolose da streetfighter “futuristica”, ma ha potenza da vendere anche per le scappate fuori porta. Il prezzo è corretto, anche se l'equipaggiamento è leggermente migliorabile
Eicma 2021
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
Green Planet