PROVA

BMW R nineT Scrambler 2017

BMW R nineT Scrambler, sarà modaiola, ma quanto va bene...
Manubrio e scarico rialzati, motore raffreddato ad aria e design minimalista  per la bella Scrambler di BMW. Non va bene per viaggiare, per tutto il resto sì ed è un piacere da guidare. Dotazione scarsa, visto il prezzo
Prezzo: 
€ 14.000
Peso: 
211,5 kg
Potenza: 
100,1 CV
Velocità: 
224,5 km/h
 
  • Comfort: 
    3
  • Posizione di guida: 
    4
  • Tenuta di strada: 
    4
  • Finiture: 
    4
  • Consumo: 
    3
  • Prestazioni: 
    4
    Average: 4 (1 vote)
  • Cambio: 
    4
  • Freni: 
    4
  • Vano sottosella: 
    1
  • Sospensioni: 
    4
su strada
La posizione di guida è azzeccata grazie al rapporto corretto tra manubrio largo, sella alta e pedane poco arretrate: con la Nine T Scrambler si viaggia comodi (ma una sella meglio imbottita migliorerebbe il comfort di marcia sulle lunghe percorrenze). Il bicilindrico boxer ha digerito bene l’Euro 4 e spinge sempre forte ai bassi e medi regimi, accompagnato da una tonalità di scarico cupa e grintosa (ma sempre “civile”) e da vibrazioni quasi inesistenti, si notano solo all’accensione e alle riaperture del gas ai bassi regimi. Tra le curve la Scrambler colpisce per la facilità di guida ma anche per l’efficacia della ciclistica: la forcella sostiene senza problemi la Scrambler anche nella guida sportiva, rendendola precisa in ingresso curva e sempre stabile, aiutata dalla sospensione dietro piuttosto rigida. Aiuta parecchio anche l’ASC, il controllo di trazione optional (costa 350 euro) che abbiamo apprezzato sulla moto in prova e che consigliamo caldamente a tutti. Le quote ciclistiche differenti e il cerchio anteriore più grande la rendono comunque meno reattiva della R nine T “classica” nei rapidi cambi di direzione dove, nonostante una corretta distribuzione dei pesi, richiede uno sforzo fisico maggiore da parte del pilota. Rumoroso ma rapido e preciso il cambio, inappuntabile la frenata: grazie all’impianto “tradizionale” ma efficace ci si ferma in poco spazio e la potenza è sempre facile da gestire.

in autostrada
La Nine T Scrambler non è il massimo per affrontare lunghi viaggi: la mancanza di riparo dall’aria stanca il pilota dopo qualche decina di km, per non parlare della scarsissima capacità di carico. Il discorso cambia però se ci si affida al ricco (letteralmente) catalogo ufficiale di accessori BMW per la Scrambler, dove si possono trovare borse morbide per il serbatoio o da fissare sulla coda (bruttine, ma comode), selle più imbottite e persino un piccolo parabrezza che risolve in parte il problema dell’aria. C’è poco da fare invece per il passeggero: la posizione non è scomoda, ma la sua porzione di sella è piccola e non ha appigli, a parte il telaietto reggisella (che non è fatto per quello...). Solo discreti i valori di consumo di carburante, soprattutto in autostrada dove i 13 km/l rilevati riducono l’autonomia a poco più di 200 km.

in fuoristrada
Se preferite le strade “bianche”, al momento dell’acquisto fate montare (opzione senza sovrapprezzo) le Metzeler Karoo 3, gomme “on/off” che permettono di affrontare il fuoristrada (in ogni caso “leggero”) in sicurezza. Snella ai fianchi, la Scrambler si presta bene anche alla guida in piedi sulle pedane, ma le sospensioni non amano le forti sollecitazioni della guida offroad.

in città
Una volta fatto l’occhio al manubrio largo e alle teste dei cilindri sporgenti, la Scrambler si rivela una perfetta moto da città, agile nel traffico. Su pavé e sconnesso disturba un po’ la sospensione dietro rigida, mentre la forcella filtra bene tutte le asperità. Grazie all’ABS, la frenata è sicura anche sul bagnato, dove si apprezza (se c’è) anche l’ASC optional.  
PROVE CORRELATE
  • 23 Agosto 2021
    La stradale tedesca è immediatamente riconoscibile alla prima occhiata, il boxer è garanzia di una guida sempre piacevole e la dotazione è quella "di sostanza" tipica delle moto bavaresi. Chi prende una R Nine T lo fa a ragion veduta... Ma anche il prezzo è da BMW
  • 11 Agosto 2021
    Forme classicissime, cura tedesca dei dettagli e l'elettronica non è un tabù: la cruiser della casa tedesca è un mix di moderno e tradizione, una moto con una spiccata personalità, equipaggiata con un possente bicilindrico boxer
  • 15 Aprile 2021
    Il GS negli ultimi anni ci ha abituato a cilindrate e prestazioni "maxi", ma anche nella versione 850 la bicilindrica bavarese sa essere una moto completa e anzi, più gestibile. La versione rallye aumenta la voglia di lasciare l'asfalto per l'off road. Il prezzo? Sempre al top della categoria

BMW R nineT

  • Prezzo€ 14.000
  • Peso220 Kg
  • Serbatoio17,0 l
  • Altezza sella82 cm
  • Lunghezza218 cm
Eicma 2021
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
PROVE PER MARCA
Green Planet
LE ULTIME PROVE
  • Ducati SuperSport 2021
    La bicilindrica di Borgo Panigale non lascia niente a desiderare in termini di prestazioni, ma è anche una moto che si può usare nella vita quotidiana, quasi in ogni situazione
  • Kawasaki Ninja 1000 SX 2021
    La "verdona" è una Ninja a tutti gli effetti, ma strizza l'occhio a chi cerca una moto da usare anche per qualche gita senza stancarsi troppo, e all'occorrenza guidabile pure in città. La dotazione di serie ne fa una moto moderna, che "aiuta" il pilota a non andare mai in difficoltà
  • Energica Eva EsseEsse9 2021
    Linea riuscita e prestazioni convincenti fanno apprezzare subito questa SBK elettrica: la cura dei dettagli è da "tedesca", il prezzo è elevato, ma tra incentivi e risparmi alla colonnina, i conti vanno fatti sul lungo periodo