PROVA

Betamotor Enduro 125 RR 2T 2019

Betamotor RR Enduro 125 LC
La RR 125 “base” ha un bel motore, si guida bene ed è costruita con cura. Va bene per andare a scuola e per imparare i trucchi della guida offroad
Prezzo: 
€ 4.780
 
  • Comfort: 
    3
  • Posizione di guida: 
    4
  • Tenuta di strada: 
    4
  • Finiture: 
    4
  • Consumo: 
    4
  • Prestazioni: 
    4
    Average: 4 (1 vote)
  • Cambio: 
    4
  • Freni: 
    3
  • Vano sottosella: 
    2
  • Sospensioni: 
    4
su strada
La posizione di guida con manubrio rialzato e largo il giusto garantisce un buon controllo della moto, sia nelle manovre sia in movimento. Alta anche la sella (93 cm da terra), ma i fianchi stretti e le sospensioni morbide (che “cedono” quando il pilota è in sella) permettono di mettere i piedi a terra anche a chi è sul metro e settantacinque. Piace parecchio il motore: per avere 15 CV (limite di potenza “legale” per le 125 da guidare con patenti A1 e B), questo piccolo “mono” spinge forte e con un discreto brio anche ai medi regimi (intorno ai 5.000 giri), ma è comunque agli alti che riesce a dare il meglio di sé. La RR in curva stupisce per la precisione e la sicurezza che trasmette: è veloce nello scendere in piega e agile nei cambi di direzione (il peso ridotto la aiuta parecchio), mentre la ruota anteriore da 21 pollici garantisce una buona stabilità. Le gomme tassellate sull’asfalto si comportano bene, almeno sull’asciutto; meglio invece stare attenti sul bagnato, perché l’avantreno diventa meno prevedibile. Le sospensioni morbide incassano le buche senza problemi, ma su asfalto non vanno strapazzate: per rendere al meglio la RR Enduro va guidata con comandi fluidi e traiettorie “rotonde”. Se non si esagera con le pieghe comunque questa Enduro non fa rimpiangere la versione Motard. Efficace la frenata, grazie al doppio freno a disco (rispettivamente da 260 mm davanti e 220 mm dietro): per ottenere un’azione efficace dall’impianto combinato bisogna agire su entrambi i comandi, usando solo quello al manubrio si ottiene poco. Così così il comfort: la seduta è poco imbottita e le vibrazioni del motore si fanno sentire per bene agli alti regimi.
in fuoristrada
La RR se la cava bene anche in fuoristrada. Non è una moto da gara, ma l’esperienza della casa italiana nel mondiale Enduro si sente: le sospensioni copiano bene le buche e la posizione di guida in piedi risulta corretta. Il motore 125 è potente a sufficienza per divertirsi su sterrati e percorsi offroad poco impegnativi: l’erogazione regolare della potenza aiuta i meno esperti e permette di gestire senza affanni le situazioni più “complicate”. Risulta invece un po’ fastidioso l’intervento della frenata combinata che non permette di dosare a dovere la potenza: in molte situazioni è meglio utilizzare solo il comando posteriore.

in città
La Beta RR 125 si rivela una buona compagna anche in città, se non fosse per gli pneumatici tassellati, che fanno vibrare la moto ad ogni ripartenza da fermo. Grazie al peso ridotto e all’ottimo sterzo si sguscia tra le auto in coda senza difficoltà, mentre le sospensioni “da fuoristrada” assorbono buche, pavé, asfalto irregolare e marciapiedi senza problemi. La frenata con sistema combinato CBS è sicura, ma sul bagnato bisogna fare attenzione alla gomma tassellata anteriore, che va facilmente in crisi. Buono anche il binomio cambio e frizione, morbido e sempre preciso. 

Betamotor Enduro

  • Prezzo€ 7.990
  • Peso95 Kg
  • Serbatoio8,5 l
  • Altezza sella93 cm
  • Lunghezza217 cm
Vinci EICMA 2019 con inSella.it
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
PROVE PER MARCA
Green Planet
LE ULTIME PROVE
  • MV Agusta Brutale 800 2019
    La più “economica” tra le naked di MV Agusta vanta le stesse doti delle sorelle più costose. Ha prestazioni da vera sportiva, è rifinita con cura e sfoggia una dotazione tecnica di alto livello
  • Verve Moto
    La guidano i 16enni, ma  piace anche ai fratelli maggiori. Il motore consuma poco, sospensioni ok, prezzo corretto
  • Yamaha Niken 2018
    Con la Niken tra le curve si va alla stessa andatura di una moto “normale” con metà dell’impegno, lo stesso divertimento e il doppio della sicurezza. Comoda e ben costruita, va bene per viaggiare ma ripara poco dall’aria. Prezzo adeguato alle doti tecniche e alla qualità