PRIMI CONTATTI

Triumph Tiger Sport 660 2022

Triumph Tiger Sport 660: la crossover che mette tutti d'accordo
La nuova Tiger 660 Sport è una crossover di media cilindrata alla portata di tutti e con una personalità spiccata, forte del suo tre cilindri di ben 81 Cv. Ha una dotazione di serie "ricca", costi di gestione contenuti e, con gli accessori giusti, è pronta per i lunghi viaggi
€ 8.995
Triumph Tiger Sport 660: la crossover che mette tutti d'accordo
La nuova Tiger Sport 660 rappresenta il modello di accesso alla gamma della famiglia Tiger. Una crossover di media cilindrata alla portata di tutti, ma con una personalità spiccata e dall’aspetto “ricco”. Come già visto con la stradale Trident 660, la ricetta è semplice: un motore di piccola cilindrata facile da gestire, un design accattivante e un’ottima accessibilità garantita da misure compatte e pesi contenuti. 
Motore “pepato”
Il motore è il tre cilindri di 660 cm³ che, con i suoi 81 cavalli a 10.250 giri e 64 Nm di coppia a 6.250 giri, la rende tra le moto più brillanti del suo segmento, oltre a essere l’unica a vantare un’architettura a tre cilindri.
I blocchetti a manubrio sono curati e funzionali; su quello di sinistra c'è l'ampio joipad per gestire l'elettronica di bordo.
Ha quello che serve
L’elettronica è quella che serve. Troviamo l’acceleratore Ryde-By-Wire e offre due modalità di guida, Road e Rain, che modificano la risposta al comando del gas e il livello di intervento del controllo di trazione, volendo disattivabile. Vi si accede tramite il dashboard multifunzione con schermo a colori TFT, compatibile con il sistema My Triumph Connectivity System che permette di connetterlo via Bluetooth allo smartphone per ascoltare musica, ascoltare le indicazioni del gps e gestire la gopro. A richiesta anche il cambio elettronico di tipo bidirezionale.
Ciclistica efficace
La ciclistica offre tutto quello che serve, senza fronzoli: davanti troviamo una forcella Showa a steli rovesciati di 41 mm di diametro con 150 mm di escursione, e doppio disco da 310 mm di diametro con pinze Nissin di tipo tradizionale a doppio pistoncino; dietro troviamo un ammortizzatore sempre della Showa e regolabile nel precarico; e poi due bei cerchi di 17” a cinque razze volventi con pneumatici Michelin Road 5.
Il gruppo ottico è interamente full Led; a destra, il bel display TFT a colori.
Sovrastrutture “amichevoli”
La seduta è a soli 83,5 cm da terra per semplificare le manovre da fermo, mentre il suo serbatoio da 17 litri, i supporti per le borse integrate e il suo parabrezza regolabile in altezza, anche durante la guida, strizzano l’occhio ai lunghi viaggi. Le sovrastrutture sono “firmate” da Rodolfo Frascoli e sono dominate dall’imponente gruppo ottico anteriore a Led. Il peso? Appena 206 kg in ordine di marcia.
Davanti troviamo due pinze assiali a doppio pistoncino della Nissin; a destra, il pomello per la regolazione del precarico molla.
Personalizzabile con gli accessori
Come sempre ricchissimo il catalogo di accessori della casa inglese. Si va dalle borse laterali in tinta con la carrozzeria (29 litri la destra, 28 litri la sinistra) al baulone centrale da 47 litri in grado di contenere due caschi integrali. E poi manopole riscaldabili, cambio elettronico bidirezionale, controllo di pressione degli pneumatici  e presa USB sotto la seduta.
La Tiger Sport sarà disponibile da febbraio 2022, in tre colorazioni: il Rosso della prova, un’elegante grigio Antracite e uno sportiveggiante “Bluettone”. Il prezzo? Si parte dagli 8.995 euro franco concessionario e avrà costi di gestione contenuti grazie al fatto che gli intervalli di manutenzione saranno di 16.000 km o in alternativa ogni 12 mesi.
Come va
La Tiger 660 nonostante sia compatta e snella, riesce a essere molto ospitale: anche chi è sul metro e ottanta ha spazio a sufficienza per le gambe, mentre la sella ben sagomata permette a tutti di mettere con sicurezza i piedi a terra. Il parabrezza regolabile poi, in posizione tutta estesa, ripara bene dall’aria anche se si presta a qualche critica perché crea qualche turbolenza di troppo sulla parte più alta del busto.


Svelta e maneggevole
In movimento la nuova Triumph si dimostra prevedibile e ben bilanciata, facile da guidare in ogni situazione anche per chi non ha troppa esperienza. Risultato: fra le curve divertente come le sorelle più grandi, anche quando si alza il ritmo. Il motore, infatti, oltre a divertire nella zona bassa del contagiri, spinge forte pure nella zona alta e i suoi 81 CV non fanno rimpiangere potenze superiori. L'erogazione è quasi elettrica, estremamente fluida e regolare, senza nessun effetto "On-off". E poi c’è il picco di coppia massima di 64 Nm, disponibile ad appena 6250 giri, che regala tanta grinta ai bassi e medi regimi. Da manuale il cambio, morbido e preciso. Da segnalare solo un po' di vibrazioni a manubrio sopra i 6.000 giri.


Frenata ok
Piace l’impianto frenante, potente, ma sempre ben dosabile, con l'anteriore dotato di un bell'attacco e della giusta potenza e il posteriore che aiuta l'azione e non serve solo a correggere le traiettorie. Discorso più articolato per le sospensioni. La forcella, in particolare, ha una prima parte soffice, come è giusto che sia per questa categoria di moto, per assorbire le piccole asperità del manto stradale tipiche della guida di tutti i giorni; la seconda parte invece è più sostenuta per supportare come si deve l’anteriore nella guida sportiva. Insomma una crossover bella e di sostanza. Certo non ci sarebbe spiaciuto vedere il pulsante del cruise control sul blocchetto di sinistra e magari la possibilità di montare il cavalletto centrale, ma questa nuova crossover porta in dote una ciclistica svelta e un gran motore, in grado di mettere tutti d’accordo, dal neofita allo smanettone.


 
Carta d'identità
Dati tecnici (dichiarati dalla casa)
Motore tre cilindri 4T
Cilindrata (cm3) 660
Raffreddamento a liquido
Alimentazione a iniezione
Cambio a sei marce
Potenza CV (kW)/giri 81(60)/10.250
Freno anteriore a doppio disco
Freno posteriore a disco
Velocità massima (km/h) nd
Dimensioni
Altezza sella (cm) 83,5
Interasse (cm) nd
Lunghezza (cm) 207,1
Peso (kg) - in odm 206
Pneumatico anteriore 120/70-17"
Pneumatico posteriore 180/55_17"
Capacità serbatoio (litri) 17,2
Riserva litri nd

Triumph Tiger Sport 660

  • Prezzo€ 9.095
  • Peso206 Kg
  • Serbatoio17,2 l
  • Altezza sella84 cm
  • Lunghezza0 cm
PRIMI CONTATTI PER MARCA
GLI ULTIMI PRIMI CONTATTI
Eicma 2021
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
Green Planet