NOVITA' MOTOCICLISMO

Suzuki: le V-Strom 650 a confronto

La Suzuki ha ancora in listino la "vecchia" V-Strom 650 accanto alla versione ABS lanciata qualche mese fa. La nuova V-Strom è più scattante, più snella... e più costosa. La precedente versione è una moto "di sostanza" dalle linee forse discutibili, ma è offerta a un prezzo concorrenziale. Quale scegliere? Scopriamolo insieme.

Suzuki: le V-Strom 650 a confronto

Meglio la nuova o la “vecchia”?

A poco meno di un anno dall’arrivo della V-Strom 650 ABS my '11, nel listino di Suzuki Italia compare ancora la precedente versione, quella per intenderci presentata nel "lontano" 2003 e, da allora rimasta praticamente immutata fino al 2010. La differenza di prezzo tra le due versioni è di poco più di mille euro: la nuova Suzuki V-Strom 650 ABS costa infatti 8.590 euro, mentre bisogna sborsare 7.550 euro per la Suzuki V-Strom 650 my '10; differenza che si riduce ulteriormente per la versione “ABS Traveller” offerta a 8.050 euro, che offre comprsi nel prezzo ABS, puntale, paramani, cavalletto centrale e baule posteriore da 47 litri. Questo è il listino ufficiale: in realtà, i concessionari offrono la Suzuki V-Strom 650 my '10 a non più di 6.500 euro, mentre l’usato di appena un anno  si trova intorno ai 5.000 euro. Il risparmio è notevole, c'è da farci davvero un pensiero. Ma a cosa si rinuncia, scegliendo la vecchia V-Strom invece della nuova? Per scoprirlo abbiamo messo a confronto una Suzuki V-Strom 650 my ‘10 in condizioni pari  al nuovo (gentilmente fornitaci da un lettore) con una Suzuki V-Strom 650 ABS my ’11 del parco-stampa della casa.



Gran motore per entrambe…

La Suzuki V-Strom 650 è arrivata sul mercato nel 2003: da allora al 2011 in Italia ne sono state vendute ben 18.000 unità, ovviamente appartenenti alla vecchia versione. Il suo segreto? É una moto che bada molto alla sostanza e poco alle apparenze (e infatti l’estetica non è mai stata il suo punto di forza… ). Al centro di tutto c'è il motore bicilindrico di 645 cm3 a V di 90° davvero ben riuscito, potente il giusto (62,4 a 9.000 giri i cavalli rilevati alla ruota dal nostro centro prove sulla “vecchia versione), dalle vibrazioni contenute, ma soprattutto parco nei consumi (mediamente si sfiorano i 18 km/l), dote molto apprezzata di questi tempi. La nuova versione propone il bicilindrico a V di 645 cm3 a prima vista immutato, ma in realtà ampiamente rivisto nelle parti interne: ora infatti è in grado di erogare 64,4 CV a 9.000 giri (rilevati dal centro prove) grazie a nuovi pistoni, nuovi cilindri e un nuovo albero motore; anche il gruppo termico è stato rivisto. Sempre su ottimi livelli i consumi (siamo attorno ai 17,5 km/l), nonostante l’aumento delle prestazioni.
  A sinistra il nuovo terminale di scarico molto più aggraziato e piacevole da vedere rispetto a quello della versione precedente (foto a destra).


… e ciclistica ben fatta

Equilibrata la ciclistica, immutata dalla vecchia alla nuova versione. Il merito è soprattutto del valido telaio a doppio trave in alluminio che conferisce alle V-Strom una stabilità e una precisione in curva quasi da naked, nonostante la ruota anteriore da 19”. Ben dotato l'impianto frenante, dotato anteriormente di due grossi dischi da 310 mm di diametro. Sulla nuova versione l'ABS è di serie, anche se in certe situazioni resta ancora un po' troppo "invasivo": peccato non sia disinseribile, sarebbe utiissimo per chi in moto a volte affronta qualche "strada bianca".

A sinistra, il nuovo cruscotto: compatto e ben leggibile, si avvale di un grosso display a cristalli liquidi; a destra la strumentazione della V-Strom 650 my '10: "datata", ma completa.

Adesso è più snella

Soprattto nelle sovrastrutture si notano le differenze principali tra le due versioni. La Suzuki V-Strom 650 ABS my ‘11 è più snella nella zona del serbatoio, ha un cupolino più piccolo e una posizione di guida più "aggressiva”, più moderna e meno “infossata” rispetto alla precedente versione. Anche la parte posteriore appare più riuscita, grazie al nuovo terminale di scarico e al codino più filante. Ma su strada chi va meglio?

Il nuovo cupolino, a sinistra, è più piccolo e filante, ma ripara meno; a destra, quello più protetivo della precedente versione.

Su strada

Nonostante l’aspetto “avventuroso”, tutte le V-Strom su strada si guidano quasi come delle naked: hanno un telaio che assicura tanta precisione in curva, una frenata potente e modulabile, un motore vigoroso e ricco di coppia. Tuttavia nel misto la nuova versione sfodera un’indole più sportiva, grazie alla posizione di guida “d’attacco” e alle dimensioni più contenute che permettono rapidi cambi di direzione e una maneggevolezza notevole. La "vecchia" tuttavia nel misto rimane sempre una moto efficace, anche se nella guida sportiva vengono fuori gli ingombri del serbatoio più grosso e della posizione di guida meno caricata sulla ruota anteriore.



In autostrada

La V-Strom 650 my ’10 è sempre stata una gran viaggiatrice e anche la nuova versione non è da meno. Ma in autostrada la “vecchia” si prende una bella rivincita: il parabrezza e il cupolino più ampi riparano meglio; il grosso sellone, poi, è più confortevole nelle lunghe distanze. Inoltre il voluminoso serbatoio in metallo (22 litri di capienza) permette di fissare una borsa a magneti, cosa impossibile su quello della nuova versione in materiale plastico (e dalla capacità ridotta a 19,5 litri). Peccato anche per le vibrazioni fastidiose sopra i 6.000 giri (poco oltre i 130 km/h indicati a tachimetro). Va meglio la nuova, grazie al motore più a punto: in questo caso bisogna aspettare i 7500 giri perché diventino avvertibili su manubrio e pedane. Entrambe comunque sfoderano un’ottima stabilità anche in velocità quando si viaggia a pieno carico.

In città

Sicuramente entrambe offrono tanto comfort, grazie a una posizione di guida comoda e alle sospensioni che “digeriscono” di tutto. Invidiabile la rumorosità meccanica, davvero minima su entrambi i modelli. Il motore, poi, particolarmente elastico, permette di ridurre al minimo l’uso del cambio. Tuttavia in mezzo al traffico, la nuova versione è senz’altro più scattante e maneggevole, grazie al motore più corposo e agli ingombri inferiori. La vecchia versione, dal canto suo, nelle afose giornate estive si prende la sua bella rivincita grazie al motore che scalda meno.



Quale comprare?

Difficile dare un giudizio definitivo, comunque se volete spendere poco e cercate una moto "di sostanza", in grado di macinare chilometri in tutta comodità con bagagli e passeggero, ma allo stesso tempo "efficace” su strada, allora la "vecchia" V-Strom 650 my '10 va benissimo. Se invece cercate una moto scattante, leggera e magari anche più bella, allora la nuova V-Strom 650 ABS my '11 rappresenta sicuramente la scelta giusta.

 



COMMENTI
Ritratto di zeussino75
29 Marzo 2012 ore 14:35
dalle foto laterali e frontali non si direbbe che la nuova versione ha una posizione di guida più di "attacco" anzi, sembra che la vecchia sia più caricata sull anteriore. Credo che questa nuova versione , come succede spesso ultimamente , abbia solo subito modifiche estetiche x far salire il prezzo. Inoltre in una moto da "viaggio" ridurre la capacità del serbatoio , aumentare i consumi per guadagnare 2 cv non credo che sia una scelta commerciale azzeccata..... poi la moto si compra col cuore e no col cervello.....
Ritratto di goan71
29 Marzo 2012 ore 20:38
io le ho provate entrambe prima di acquistare la nuova versione che a mio avviso si fa preferire nettamente. Infatti la 2011 è molto più agile e facile da guidare, inoltre in fatto di protezione il nuovo cupolino pur essendo meno ingombrante protegge molto meglio e sopratutto elimina quasi completamente i vortici che la precedente versione aveva. Ciò che mi rende perplesso su quanto scritto sull'articolo è il dato dei consumi.. ma la avete testata o parlate per sentito dire??? Io che ce l'ho vi posso garantire che il consumo medio si attesta sui 25 km/l sul misto (alla faccia di quanto sbandierato da altre case)... Sul fatto del prezzo invece sono d'accordo che forse è un tantino alto visto quanto fatto ultimamente da honda.. ma come si dice.. per una donna questo e altro.. figurarsi per una moto!
Ritratto di dany72
30 Marzo 2012 ore 13:17
Teniamo conto però che le medie di cui parlano nel servizio comprendono anche i consumi "al massimo", che probabilmente nei conteggi di chi usa la VStrom tutti i giorni non sono contemplate, pena la perdita di fior di punti-patente :)
Ritratto di gianca8966
gianca8966 Suzuki V-Strom DL 650 '07 2007
30 Marzo 2012 ore 21:10
grande moto,per ora mi tengo la vecchia
NOTIZIE CORRELATE
  • Moto
    20 Ottobre 2020
    Vestita con il  blu e l’argento delle prime Suzuki da Gran Premio Anni 60, la nuova GSX-R1000R Anniversary festeggia i 100 anni della Casa di Hamamatsu. Dotata di un nuovo scarico Akrapovic in carbonio, è disponibile nelle concessionarie ma in soli 30 esemplari
  • News
    20 Ottobre 2020
    Il meteo cambierà al Motorland e nessuno sa cosa aspettarsi: le Ducati possono solo fare meglio, ma contro le Suzuki di Mir e Rins sarà dura averla vinta. Alla fine del mondiale mancano solo 4 gran premi e Dovizioso deve trovare un modo per riuscire a sfruttare meglio il match tra le Michelin e il motore V4 della sua Desmosedici
  • News
    19 Ottobre 2020
    Brivio celebra sia la vetta del mondiale con Mir che il successo con Rins: Dovizioso non dimentica i malumori con Petrucci ma continua a raccogliere punti per tenere accesa la speranza: sono 15 le lunghezze di distanza dal primo. Yamaha, problemi di pressione: le gomme si rivelano decisive ancora una volta