NOVITA' MOTOCICLISMO

Sicurezza stradale: “The Invisible Biker” la nuova campagna per farsi vedere

Sicurezza in moto: in Inghilettra Gloucestershire Road Safety ha lanciato una campagna di sensibilizzazione con l’immagine di un motociclista invisibile. Obiettivo: sensibilizzare gli automobilisti a una maggior attenzione nei confronti dei motociclisti, ma anche per ricordare a questi ultimi che 

Sicurezza stradale: “The Invisible Biker” la nuova campagna per farsi vedere
Attenzione agli angoli ciechi
A chi va in moto accade sovente: quella brutta sensazione di essere invisibili, nonostante i fari sempre accesi, l’abbigliamento riflettente, e – per alcuni in particolar modo – il rumore dello scarico. La campagna a favore della sicurezza lanciata nel Gloucestershire, una contea dell’Inghilterra sud-occidentale, mira a ricordare a tutti quanto spesso chi guida una moto possa essere assai poco visibile. Agli automobilisti, infatti, la campagna ricorda che : “A un incrocio uno sguardo non è mai abbastanza: è meglio guardare a destra e sinistra almeno due volte. Questo raddoppia le probabilità di vedere un veicolo a due ruote”, si legge nel testo inglese. Invece, il messaggio rivolto ai motociclisti recita: “Mettetevi nella posizione migliore per massimizzare la vostra visibilità”. Da evitare, dunque, i punti ciechi di un autoveicolo, costituiti dalle aree coperte dai montanti anteriori e posteriori, cioè le viste ¾ anteriori e posteriori, che il conducente fatica a vedere perché coperte dai montanti. I responsabili della campagna hanno detto di aver lanciato questa idea del motociclista invisibile per invitare chi guida a “Prendere tempo in corrispondenza degli incroci per cercare eventuali motociclisti e ciclisti, ma chiediamo anche ai motociclisti di prendere le misure necessarie per farsi vedere da tutti gli altri utenti della strada”.

 



NOTIZIE CORRELATE
  • Politica e trasporti
    04 Gennaio 2021
    Parte della spesa sostenuta dal motociclista per l’acquisto di dispositivi di protezione individuale airbag potrà essere fiscalmente detratta. Il governo si impegna formalmente, promettendo tempi il più rapidi possibili. Ce ne dà notizia Graziella Viviano, da anni impegnata nella causa. Ecco il testo
  • News
    16 Dicembre 2020
    Nei giorni scorsi CMC e FIM hanno lanciato uno standard per adeguare moto e scooter al C-ITS, acronimo di Cooperative Intelligent Transport System, il  sistema che in un futuro non troppo lontano permetterà ai veicoli di dialogare tra loro e scambiarsi informazioni in grado di rendere la circolazione più sicura
  • News
    18 Settembre 2020
    Nel capoluogo lombardo da giugno a oggi si sono registrati oltre 130 incidenti che vedono coinvolti i monopattini elettrici, mezzi green che però cominciano a rappresentare un serio problema dal punto di vista della sicurezza stradale