NOVITA' MOTOCICLISMO

Schachermayr, il cubo di Rubik in Vespa sulla teleferica - VIDEO

Avete visto Guenter Schachermayr rischiare la pelle mentre si dondolava a 130 metri d’altezza da una diga in sella a una Vespa; con la Vespa dotata di paracadute lo avete visto buttarsi da un aereo, scalare l’albero della cuccagna, fare un percorso in immersione e volare con l’aquilone trainato da un motoscafo, sempre seduto sul suo scooter. L’obiettivo è stabilire nuovi record da iscrivere sul Guinness dei Primati.

Schachermayr, il cubo di Rubik in Vespa sulla teleferica - VIDEO
Pazzia... geniale!
L’ultimo successo però è stato molto meno rischioso e più… mentale. Questa volta il fantasioso stuntman di Steyr, Austria, si è cimentato con il cubo di Rubik, il rompicapo con le facce multicolore ideato da un professore di architettura ungherese. Per due anni Tutti
Pubblicato il 09 Settembre 2020
Schachermayrsi è allenato a risolverlo il più velocemente possibile, dopodiché ha appeso la sua Vespa a una teleferica situata a Ramsau an Dachstein, nella regione della Stiria, è salito a bordo ed è andato giù con il cubo di Rubik in mano, in mezzo agli alberi di una fitta foresta. La sfida questa volta è stata doppia: essere il primo a cimentarsi in un primato così singolare, e risolvere il rompicapo prima che la teleferica arrivasse in fondo.
L’impresa è riuscita, sia pure con qualche difficoltà imprevista: «Ho dovuto lottare costantemente per mantenere la mia posizione da temerario seduto sulla Vespa a 13 metri di altezza – ha raccontato Guenter –, mentre la teleferica faceva lo slalom tra gli alberi. Sembra una sciocchezza, ma richiede una certa attenzione che più volte mi ha fatto perdere la concentrazione e mi ha costretto a ripetere la prova. Però la mia volontà e lo spirito combattivo sono stati più forti e alla fine della giornata sono riuscito a risolvere questo cubo di Rubik nel sensazionale tempo di 2’53“».
Come al solito, tutto il materiale video e fotografico verrà inviato all’organizzazione del Guinness World Records per l’omologazione. In attesa della prossima follia.

 

 



NOTIZIE CORRELATE
  • Industria e finanza
    06 Marzo 2021
    Nonostante le ovvie difficoltà dovute all’emergenza sanitaria, il Gruppo Piaggio ha chiuso il 2020 con numeri che fanno ben sperare. Il secondo semestre è stato in particolare testimone di una netta ripresa con un +1,3% di ricavi e un +82,3% per l'utile netto
  • News
    31 Dicembre 2020
    Vespa e Piaggio Beverly guadagnano - per i secondo anno consecutivo - un posto in classifica tra i 5 migliori scooter secondo Forbes. I due alfieri del gruppo Piaggio sono stati premiati per stile, tecnologia e versatilità
  • Green Planet
    03 Novembre 2020
    Presentato nel 2018, il Retrokit di Motoveloci sviluppato per “aggiornare" le vecchie Vespa con un motore elettrico  manca purtroppo della omologazione. Servirebbe un’integrazione al decreto retrofit del 2015, ma dal Ministero non è arrivata alcuna risposta