NOVITA' MOTOCICLISMO

Ruin, il "cartone" avventuroso con la Yamaha MT-01

É solo un "teaser", uno spezzone di circa 8 minuti, ma avvincente quanto un film. Si chiama Ruin e rappresenta la fuga di un "umano" in sella a una Yamaha MT-01. Il video è fatto molto bene, anche se il bicilindrico Yamaha ci è parso un po' troppo… frazionato.

Ruin, il "cartone" avventuroso con la Yamaha MT-01

MT-01, una moto da "eroi"

Sul sito di Oddball Animation, un'azienda di grafica americana, abbiamo scovato il teaser di Ruin, un cortometraggio d'animazione che propone la "supernaked" Yamaha MT-01 tra i protagonisti. La trama di Ruin (macerie) è semplice: il protagonista è un umano che per sfuggire a una navicella nemica scappa con la sua MT-01 attraverso le rovine di una metropoli del futuro piena di presenze "aliene". L'animazione è a dir poco realistica, i movimenti e gli scenari hanno una definizione stupenda e coinvolgono fin da subito lo spettatore. Anche la moto è riprodotta fedelmente, rispetto all'originale MT-01 cambiano solo alcuni dettagli come il fanale dotato di griglia di protezione. L'unico aspetto sicuramente da migliorare è la resa del "sound" del bicilindrico da 1700 cm3. Infatti, anche se le musiche ricoprono parzialmente il rumore, non è difficile identificare il "frullare" tipico di un propulsore quadricilindrico.

Moto e film, che spettacolo!

Le moto nei film sono sempre state utilizzate abbondantemente. Negli ultimi anni poi, soprattutto nei film d'azione hollywoodiani le due ruote hanno guadagnato uno spazio sempre maggiore (l'ultima in ordine di tempo è la Yamaha Vmax protagonista del secondo film di Ghost Rider). Tra i marchi, Ducati merita un posto d'onore grazie a svariate partecipazioni in molti "blockbuster" degli ultimi anni: pensate solo alla 996 verde scuro di Trinity in Matrix Reloaded, alla Sportclassic di Sam in Tron: Legacy e per finire la Streetfighter con cui si muove Jacob-Shia LaBeouf in Wall Street il denaro non dorme mai (senza dimenticare, nello stesso film, l'improbabile sfida nei boschi tra una 1098S e una Desmosedici RR). Purtroppo però raramente il rumore originale del modello utilizzato viene "doppiato" correttamente Ciò accade soprattutto se la moto in questione è una bicilindrica, forse a causa del sound meno "cinematografico" rispetto a quello di una quattro cilindri (per non parlare poi della costante "confusione" tra i motori a due e quattro tempi, tipica dei film degli anni 70/80). Tra i vari casi però ve ne segnaliamo uno davvero "eclatante" che ha come protagonista proprio una Ducati: si tratta di una scena tratta dal film Yes Man, una pellicola del 2008 con protagonista Jim Carrey. Il simpatico attore americano in uno dei momenti più esilaranti del film si cimenta nella guida di una Ducati Hypermotard vestito di un semplice camice ospedaliero. I numeri da stunt sono da mozzare il fiato, peccato però che il sound del bicilindrico di Borgo Panigale sia chiaramente da quattro cilindri... e per giunta giapponese.

 


 



COMMENTI
Ritratto di Sanacotto
22 Marzo 2012 ore 16:18
da triumphista cito il mitico Tom Cruise con la Speed 955 in Mission Impossible 2 contro "il cattivo" con Daytona 955 ;) (le evoluzioni che si vedono sono pura fantascienza)
NOTIZIE CORRELATE
  • Notizie dalla rete
    06 Luglio 2020
    Due o tre ruote, quando in sella c'è il talento non fa differenza. Ce lo dimostra in questo video caricato su Instragram il pilota turco Toprak Razgatlioglu che, su una Yamaha Niken, si diverte con drift e traversi
  • News
    02 Luglio 2020
    MotoGP news – Franco Morbidelli è pronto a tornare in pista, in attesa che sia ufficializzato il suo rinnovo con il team Petronas SRT dove potrebbe essere raggiunto da Valentino Rossi. "Morbido" ha anche raccontato cosa si aspetta da questo 2020 e quale sarà la sua strategia per affrontare un campionato così intenso
  • Spy
    02 Luglio 2020
    Continua il “gossip” riguardante la storia d’amore tra Yamaha e le tre ruote. Un nuovo brevetto comparso sul web ci mostra le immagini di un nuovo MW-Vision senza tettuccio basato sullo schema del doppio braccio oscillante anteriore