NOVITA' MOTOCICLISMO

MotoGP: Pedrosa comanda le libere, Rossi secondo

Dani Pedrosa è il più veloce sulla pista di Jerez in condizioni di asfalto bagnato, ma a sorprendere è il secondo posto di Valentino Rossi nelle seconde libere del venerdì. La Ducati sembra ritrovare la competitività con le prestazioni livellate dall'asfalto bagnato. Dentro il box rosso si fa già la "danza della pioggia"

MotoGP: Pedrosa comanda le libere, Rossi secondo

Sorprende Rossi, secondo dietro Pedrosa

Continua a gocciolare sulla pista di Jerez, che non si asciuga nella seconda sessione della MotoGP e offre un turno di prove libere con Valentino Rossi scatenato. Una guida più aggressiva e le prestazioni livellate grazie all'asfalto bagnato hanno portato la Ducati #46 per la prima volta davanti al gruppo, inizialmente con mezzo secondo di vantaggio sugli avversari, poi battuto da Dani Pedrosa di 6 decimi nelle fasi finali. Al terzo posto troviamo Jorge Lorenzo, oltre 1 secondo dalla vetta, seguito da Stoner, Hayden, Dovizioso, Bautista, Crutchlow, Spies e Bradl. I distacchi dimostrano quanto sia provvisoria questa classifica, con ben 2 secondi e mezzo fra il primo e il decimo classificato. Per questo Valentino Rossi fa la danza delle pioggia sperando in una gara completamente bagnata, una situazione che favorisce la Ducati e la rimette al livello delle avversarie. Le prime CRT sono le ART di Randy De Puniet e Mattia Pasini, rispettivamente undicesimo e dodicesimo a oltre tre secondi dal top della classifica.


La classifica delle seconde libere a Jerez

1 26 Dani PEDROSA SPA Repsol Honda Team Honda 275,4 1'50.780
2 46 Valentino ROSSI ITA Ducati Team Ducati 275,9 1'51.440 0.660 / 0.660
3 99 Jorge LORENZO SPA Yamaha Factory Racing Yamaha 275,7 1'51.873 1.093 / 0.433
4 1 Casey STONER AUS Repsol Honda Team Honda 277,3 1'52.106 1.326 / 0.233
5 69 Nicky HAYDEN USA Ducati Team Ducati 272,1 1'52.254 1.474 / 0.148
6 4 Andrea DOVIZIOSO ITA Monster Yamaha Tech 3 Yamaha 276,1 1'53.070 2.290 / 0.816
7 19 Alvaro BAUTISTA SPA San Carlo Honda Gresini Honda 273,3 1'53.166 2.386 / 0.096
8 35 Cal CRUTCHLOW GBR Monster Yamaha Tech 3 Yamaha 272,7 1'53.352 2.572 / 0.186
9 11 Ben SPIES USA Yamaha Factory Racing Yamaha 271,9 1'53.409 2.629 / 0.057
10 6 Stefan BRADL GER LCR Honda MotoGP Honda 273,3 1'53.409 2.629
11 14 Randy DE PUNIET FRA Power Electronics Aspar ART 256,4 1'54.155 3.375 / 0.746
12 54 Mattia PASINI ITA Speed Master ART 261,5 1'54.370 3.590 / 0.215
13 17 Karel ABRAHAM CZE Cardion AB Motoracing Ducati 273,4 1'54.378 3.598 / 0.008
14 8 Hector BARBERA SPA Pramac Racing Team Ducati 274,5 1'54.581 3.801 / 0.203
15 5 Colin EDWARDS USA NGM Mobile Forward Racing Suter 260,3 1'54.707 3.927 / 0.126
16 22 Ivan SILVA SPA Avintia Blusens BQR 260,7 1'54.748 3.968 / 0.041
17 68 Yonny HERNANDEZ COL Avintia Blusens BQR 259,0 1'54.915 4.135 / 0.167
18 9 Danilo PETRUCCI ITA Came IodaRacing Project Ioda 248,8 1'55.752 4.972 / 0.837
19 51 Michele PIRRO ITA San Carlo Honda Gresini FTR 259,1 1'56.067 5.287 / 0.315
20 77 James ELLISON GBR Paul Bird Motorsport ART 254,1 1'57.475 6.695 / 1.408
21 41 Aleix ESPARGARO SPA Power Electronics Aspar ART 257,3 1'57.789 7.009 / 0.314

 



NOTIZIE CORRELATE
  • Green Planet
    27 Novembre 2021
    Debutto ufficiale a Milano per la MTB elettrica del Dottore. Una e-bike con telaio raffinato pensato per una guida efficace, sicura e divertente e assembalta con componenti di alta qualità, a partire dal kit elettrico Bosch Performance CX. Proposta nelle versioni Premium e Limited Edition realizzata in 46 esemplari numerati
  • News
    19 Novembre 2021
    Nel corso della sua carriera Rossi ha sporadicamente corso anche con le autovetture, privilegiando i rally, una passione ereditata dal padre. Oltre alle vittorie nel Monza Rally Show, Valentino ha in curriculum anche tre partecipazioni al mondiale WRC
  • News
    18 Novembre 2021
    Valentino non ha ottenuto grandi successi solo nel Motomondiale, ma si è concesso anche qualche "extra" fortunato. Nei primi anni in Honda partecipò per due volte alla celebre endurance giapponese insieme a Colin Edwards, ma la vittoria non arrivò subito