NOVITA' MOTOCICLISMO

MotoGP 2014 Honda, Nakamoto: “Lorenzo? Troppo lento…”

MotoGp notizie -  Il boc di HRC Shuhei Nakamoto parla del rinnovo con Pedrosa per due anni, nessuno avrebbe mai messo in dubbio Dani e il prolungamento del contratto per altri due anni non è stato un problema. Per Jorge Lorenzo, dato a inizi anno come possibile successore di Pedrosa, solo una battuta pungente

MotoGP 2014 Honda,  Nakamoto: “Lorenzo? Troppo lento…”
Lorenzo non interessa
Il prolungamento del contratto di Pedrosa con Honda per altri due anni è stata una logica conseguenza della stima per il pilota, questo il parere di Shuhei Nakamoto, vice presidente di HRC. “Abbiamo parlato solo con Dani e sono davvero felice di continuare con lui. Marquez e Pedrosa sono ottimi piloti – ha detto Nakamoto-  e questo è l'unico motivo per cui vogliamo puntare su entrambi. Per me non importa la nazionalità o la personalità, e il rapporto con Marc e Dani è molto buono”.  Sarà ma qualche mese fa Nakamoto non sembrava pensarla così, più volte aveva espresso apprezzamenti per Jorge Lorenzo e confessato che un dream team con Marquez era per lui un sogno. L’inizio di stagione opaco di Pedrosa aveva fatto pensare a qualcuno che il trasloco del maiorchino da Yamaha a Honda fosse una cosa possibile, così invece non è stato. Nakamoto ha continuato parlando della durata del contratto di Dani e ha tirato anche un freciatina a Jorge “Abbiamo parlato di un anno, uno più un'opzione e anche due. Dani ha preferito un contratto di due anni. Lorenzo? No, è…troppo lento. Siamo felici con Dani e va bene così”. Per Lorenzo quindi il rinnovo con Yamaha è stato quasi obbligato e ormai è cosa fatta, resta solo da vedere se sarà un biennale come vuole Yamaha oppure un annuale con opzione per l’anno successivo in base ai risultati ottenuti nel 2015, come sembra pretenda Lorenzo.

 



NOTIZIE CORRELATE
  • News
    20 Ottobre 2020
    Il meteo cambierà al Motorland e nessuno sa cosa aspettarsi: le Ducati possono solo fare meglio, ma contro le Suzuki di Mir e Rins sarà dura averla vinta. Alla fine del mondiale mancano solo 4 gran premi e Dovizioso deve trovare un modo per riuscire a sfruttare meglio il match tra le Michelin e il motore V4 della sua Desmosedici
  • News
    10 Settembre 2020
    Il Motomondiale arriva a casa di Valentino, sia Yamaha che Ducati hanno buone carte da giocarsi sulla pista dedicata a Marco Simoncelli. Il primo gp aperto al pubblico sarà anche il banco di prova definitivo per Ktm: la moto austriaca ormai è matura a prescindere dal tracciato e nei test estivi sulla pista romagnola le RC16 si sono sposate felicemente con il nuovo asfalto
  • News
    26 Agosto 2020
    Il campione catalano fa le carte al campionato: "Dopo Jerez avrei detto Quartararo, ma dopo Brno non ne sono stato più tanto convinto. Andrea mi sembra un'alternativa più probabile. Vinales non può più permettersi passaggi a vuoto se vuole puntare al titolo"