NOVITA' MOTOCICLISMO

- 3 giorni all'obbligo delle nuove targhe per i cinquantini

Se avete ancora il vecchio targhino esagonale sul vostro motorino siete a rischio: sarà valido ancora per meno di una settimana. Entro il 12 febbraio deve essere sostituito con quello quadrato, chi non si mette in regola rischia una multa di 359 euro. Ecco tutte le novità.

- 3 giorni all'obbligo delle nuove targhe per i cinquantini

Addio vecchi targhini

Dal prossimo 13 febbraio i cinquantini che circolano ancora con i vecchi targhini esagonali a 5 caratteri saranno fuorilegge, per essere in regola dovranno avere il "nuovo" targhino quadrato con 6 caratteri (già obbligatorio per tutti i ciclomotori immatricolati dal 14 aprile del 2006). Chi non si mette in regola rischia una multa salata: da 389 a 1.559 euro. Insieme al targhino verrà cambiato anche il libretto, sostituito da un certificato di circolazione che riporta, numero di targa, dati del veicolo e del proprietario. Gli appassionati di moto d'epoca però non si devono spaventare: è possibile chiedere di tenere con sé il vecchio documento che sarà però "annullato". Non si potrà invece usare lo stesso targhino su mezzi diversi (come si faceva con quello vecchio), il nuovo documento è collegato a un solo veicolo. Quindi chi possiede più ciclomotori dovrà provvedere a targarli tutti (per i collezionisti sarà un salasso...).



Niente aggiornamento se non lo usate

Il decreto del Ministero dei Trasporti del 2 aprile 2011 ha previsto dallo scorso giugno una serie di scadenze (legate ai numeri iniziali del targhino) entro cui aggiornare i documenti dei ciclomotorI. Ma se non le avete rispettate non rischiate alcunché, come detto l'obbligo di "targatura" e la relativa multa da 389 euro entreranno in vigore solo dal prossimo 13 febbraio e varranno per i motorini circolanti. Quindi se ne avete uno fermo nel box e non intendete usarlo, potete tenerlo con i vecchi documenti evitando di spendere soldi per l'aggiornamento.




Col fai da te si risparmia

La  "targatura" si può fare presso un'agenzia di pratiche auto, ma si paga cara: circa 100 euro. Per risparmiare conviene fare da sé, andando in Motorizzazione. 
Ecco i documenti da presentare:
- Domanda redatta sul modulo TT2218 (disponibile presso gli sportelli).
- Fotocopie di un documento d'identità e del codice fiscale.
Attestazioni dei versamenti effettuati su bollettini postali prestampati (disponibili presso gli sportelli):
- 9 euro sul c/c 9001
- 29,24 euro su c/c 4028
- 12,92 euro su c/c 1201012
Totale 51,26 euro.
Bisogna anche consegnare il libretto del ciclomotore e il vecchio targhino se intestato al proprietario indicato sul certficato di circolazione.

 

 



COMMENTI
Ritratto di Semirjan
04 Gennaio 2012 ore 21:31
Ed ecco un'altra inutile riforma... Serve solo a farci sprecare inutilmente ulteriori soldi... L'unica cosa positiva è la forma un po' più gradevole...ahahahha!
Ritratto di AlleC68
07 Gennaio 2012 ore 12:00
Veramente la differenza è che il targhino esagonale è legato alla persona fisica, invece quello quadrato è legato al mezzo immatricolato, legalmente è una notevole differenza anti furbetto del quartiere
Ritratto di Lior
10 Febbraio 2012 ore 17:05
giustissimo!!! ma non si sarebbe potuto fare dall'inizio??? forse sarebbe stato molto meglio....
NOTIZIE CORRELATE
  • Politica e trasporti
    01 Gennaio 2021
    Il Decreto Attuativo che il Ministero dei Trasporti dovrebbe emanare entro 60 giorni renderà finalmente utilizzabile la targa originale sui veicoli, moto e auto, storici. Una bella notizia per i tantissimi appassionati e per l’intero settore del motorismo storico
  • News
    20 Febbraio 2015
    Tra i trofei off road del 2015 segnaliamo questo dedicato al pià classico dei ciclomotori, il Piaggio Ciao e ai suoi derivati Grillo, Sì, Bravo, Boxer, Superbravo e Boss. La formua prevede varie classi con motori di 50, 65 o 75 cm3. Si parte il 22 marzo da Faenza
  • Politica e trasporti
    31 Dicembre 2014
    Grazie ai controlli telematici e alla possibilità di incrociare le informazioni fornite della banca dati della Motorizzazione Civile, dal prossimo aprile sparirà l'obbligo di esporre il contrassegno dell'assicurazione. Una novità che dovrebbe rendere molto difficile la vita ai truffatori