NOVITA' MOTOCICLISMO

Ciclomotori, nuova omologazione Euro 3. Euro 4 invece per le moto

Dallo scorso luglio per i ciclomotori è entrata in vigore la nuova normativa sulle emissioni inquinanti Euro 3, mentre da settembre per i motocicli c’è la Euro 4. Ecco come riconoscere la Euro 3 per i cinquantini e le tappe previste dalla normativa europea che in pochi anni ci porteranno ad avere moto e scooter omologati Euro 5

Ciclomotori, nuova omologazione Euro 3. Euro 4 invece per le moto
Arrivano i nuovi "Euro"
Le famigerate Euro 0, 1, 2 e 3, cioè le omologazioni sulle emissioni inquinanti, sono destinate a cambiare dopo un lungo periodo senza novità. Nei prossimi anni si arriverà alla euro 5, ma già ora qualcosa ha cominciato a muoversi per quel che riguarda le omologazioni dei cinquantini. Vediamo quali sono le novità introdotte e quelle attese per i prossimi anni.
La prima novità riguarda i ciclomotori che finora potevano essere omologati “solo” Euro 2. Già da luglio 2014 è scattata la Euro 3: i nuovi modelli dovranno essere omologati secondo questa nuova normativa. Facile riconoscere se un cinquantino è Euro 3, sul libretto deve esserci scritto: direttiva 2013/60/CE
La normativa europea prevede che nei prossimi anni si passi a regole sulle emissioni inquinanti più severe queste le tappe:
CICLOMOTORI 2017 ➔ Euro 4 2020 ➔ Euro 5
MOTOCICLI 2016 ➔ Euro 4 2020 ➔ Euro 5
A partire dalle date riportate qui sopra, tutte le moto di nuova omologazione dovranno per forza rispettare queste normative. Per i costruttori sarà però possibile anticipare l’omologazione: già da settembre per esempio è possibile omologare i motocicli Euro 4, ma finora non ci risulta che nessuno l’abbia fatto. Vedremo quando arriveranno le novità presentate ora a EICMA.
Al momento l’omologazione dei motocicli Euro3 è sempre valida e in vigore. Per controllare quella della vostra moto o dello scooter, ecco qui sotto i codici che identificano tutte le omologazioni Euro 1, 2 e 3.
EURO 1
Per i ciclomotori sul libretto c’e scritto “conforme alla direttiva 97/24 CE cap.5”. Per i motocicli “rispetta la direttiva 2002/51/CE fase A”
EURO 2
Per i ciclomotori troviamo “conforme alla direttiva 97/24 cap 5 fase II, per i motocicli “rispetta la direttiva 2002/51/CE fase A”.
EURO 3
I motocicli riportano “conforme alla direttiva 2003/77/CE oppure 20006/120/CE”