Movistar Yamaha MotoGP

La descrizione della scuderia, i piloti, le caratteristiche tecniche

Il team in sintesi

Sede Barcellona
Nazione Spagna
Presidente Masahiko Nakajima
Team manager Massimo Meregalli
Responsabile tecnico Kouichi Tsuji
Moto Yamaha YZR-M1
Presenze (Stagioni) 14
Vittorie 97
Titoli iridati 6
Contatti http://www.yamaha-racing.com/motogp

 

Yamaha Racing ha esordito nel Motomondiale nel 1961, nel 1964 arriva il primo titolo mondiale nella classe 250 con Phil Read, mentre nella classe regina, allora la 500, la prima vittoria arriva nel 1972 e il primo titolo nel 1975 con Giacomo Agostini che aveva lasciato clamorosamente MV Agusta per la casa giapponese nel 1974 sfiorando subito il titolo in quell'anno. In tutto i titoli mondiali di Yamaha nella 500 sono 10, l'ultimo nel 1992 con Wayne Rainey. Poi un lungo digiuno fino all'era della MotoGP, quando nel 2004 conquista il titolo mondiale con Valentino Rossi, passato proprio quell’anno da Honda a Yamaha e autore di una stagione memorabile. Valentino Rossi porta la casa dei tre diapason alla vittoria ben quattro volte (2004,  2005, 2008, 2009), a cui si aggiungono i tre titoli iridati conquistati da Jorge Lorenzo nel 2010, 2012 e 2015.

Piloti
Movistar Yamaha MotoGP

PROSSIMO GP

Automotodrom Brno 2018
ORARI
Venerdì 03 Agosto
FP109:55 - 10:40
FP214:05 - 14:50
Sabato 04 Agosto
FP309:55 - 10:40
FP413:30 - 14:00
Qualifiche14:10 - 14:50
Domenica 05 Agosto
Gara14:00

NEWS MOTOGP

  • MotoGP news – Andrea Iannone è tornato a parlare della sua storia d’amore con Belen Rodriguez sui social, rispondendo alle domande che proprio i tifosi gli hanno fatto. Il pilota di Vasto ha sbandierato ai quattro venti il suo amore per la showgirl argentina, ma anche per la moto, di cui ha scritto: “Due amori diversi ma che entrambi mi sono sfuggiti di mano”
  • MotoGP news – Alvaro Bautista potrebbe essere uno dei piloti che andrà ad affiancare Franco Morbidelli il prossimo anno nel team Petronas Yamaha, ma questa decisione non è ancora stata presa. Lo spagnolo non ha altri progetti per il prossimo futuro e ha detto: “Nessuno dice che non mi merito questa possibilità”
  • La sfortuna quest’anno non abbandona Leon Camier, che dopo aver rimediato la frattura di alcune costole ad Aragon, ha avuto un altro infortunio, questa volta al collo, durante i test della 8 Ore di Suzuka. L’inglese è così stato sostituito nel team ufficiale Honda e al suo posto è arrivato PJ Jacobsen