PRIMI CONTATTI

BMW R nineT Urban G/S 2018

BMW R nineT Urban G/S - Per rivivere la leggenda
L’ultima arrivata della famiglia R nine T è ispirata alle GS vittoriose negli anni 80 alla Parigi-Dakar. Divertente ed efficace su strada, se la cava sullo sterrato leggero, ma niente fuoristrada. Il prezzo è interessante
€ 14.400
BMW R nineT Urban G/S - Per rivivere la leggenda
Come è fatta
Stavolta BMW ha colpito al cuore gli appassionati. La quinta versione della gamma R nine T è la più bella ed evocativa, con la sua livrea ispirata alla prima R 80 G/S e alle versioni da corsa plurivittoriose alla Parigi-Dakar negli anni 80. La base di partenza è la R nine T Scrambler, da cui la nuova “Gelände Strasse” riprende la meccanica e la ciclistica. Il motore è sempre il bicilindrico boxer da 1.170 cm3 raffreddato ad aria e olio con 110 CV a 7.750 giri e 116 Nm di coppia a 6.000 giri. La forcella Showa con steli tradizionali da 43 mm è regolabile nel precarico, dietro c’è il “solito” sistema Paralever con forcellone monobraccio in alluminio e trasmissione cardanica integrata. I cerchi (da 19” all’anteriore e da 17” al posteriore) sono a raggi tangenziali e possono montare gomme senza camera d’aria. A proposito di gomme, la Urban G/S monta di serie le stradali Metzeler Tourance, ma senza sovrapprezzo si possono avere le tassellate Continetal TKC80 (le vedete sulla moto del test): attenzione, sono belle da vedere ed efficaci sugli sterrati, ma molto meno su asfalto, soprattutto se bagnato. La dotazione elettronica di serie è ridotta al solo ABS (obbligatorio per legge); optional si può avere il controllo di trazione ASC (350 euro). Scarsina anche la strumentazione, ridotta al tachimetro e poco altro. 

Come va
La moto del nostro test montava pneumatici Continental TKC80 tassellati: avevamo qualche timore, poi abbiamo scoperto che si possono usare anche su asfalto (asciutto, non bagnato), basta solo essere dolci in inserimento di curva e non esagerare con le pieghe. La G/S comunque non è una fuoristrada (come è invece la R 1200 GS Rallye, per restare in famiglia): il manubrio un po’ basso non va bene per guidare in piedi, mentre tra le curve permette di caricare a dovere l’avantreno. Stando seduti però le pedane alte costringono a piegare parecchio le gambe. Il motore piace, ha un’erogazione piena e vigorosa a tutti i regimi e permette di passeggiare godendosi il paesaggio, ma sa tirare fuori anche una buona grinta. Quando arrivano le curve ci si diverte: la G/S è rapida nello scendere in piega e può contare su sospensioni efficaci e con una taratura abbastanza morbida che assorbono bene le piccole asperità. 
Carta d'identità
Dati tecnici (dichiarati dalla casa)
Motore bicilindrico 4 tempi
Cilindrata (cm3) 1170
Raffreddamento ad aria
Alimentazione a iniezione
Cambio a 6 marce
Potenza CV (kW)/giri 110(81)/7750
Freno anteriore a doppio disco
Freno posteriore a disco
Velocità massima (km/h) nd
Dimensioni
Altezza sella (cm) 85
Interasse (cm) 152,7
Lunghezza (cm) 217,5
Peso (kg) 221
Pneumatico anteriore 120/70 - 19"
Pneumatico posteriore 170/70 - 17"
Capacità serbatoio (litri) 17
Riserva litri 3,5

-nessuno-
PRIMI CONTATTI CORRELATI
  • 19 Dicembre 2016
    La nuova "piccola" BMW ha poco da invidiare alle sorelle maggiori. È costruita con cura, sfoggia soluzione tecniche raffinate e non delude su strada: va bene per l'uso quotidiano e anche per divertirsi, ha un motore regolare e vanta anche un bell'allungo
  • 27 Novembre 2016
    È comoda e leggera, buona per andare al lavoro ma anche per viaggiare. Vibra un po’, beve il giusto ma costa parecchio
  • 25 Giugno 2016
    Potente e grintoso, ha 60 CV ed è omologato Euro4. Il cambio è stato rivisto e innesta la marcia morbido e preciso, la carena e il parabrezza proteggono bene ma c’è poco spazio per i piedi. Di serie ABS e controllo di trazione

BMW R nineT

  • Prezzoda € 14.400
  • Peso221 Kg
  • Serbatoio17,0 l
  • Altezza sella85 cm
  • Lunghezza218 cm
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
 
PRIMI CONTATTI PER MARCA
Green Planet
GLI ULTIMI PRIMI CONTATTI