NOVITA' MOTOCICLISMO

Renard Speed Shop BMW R90/6, schegge di TT

Il nome di Renard Speed Shop, con base a Tallinn in Estonia, è in circolazione da un bel po’ di tempo. Sembrerà strano ma anche in quei posti così freddi vanno in moto, ma soprattutto, ne sanno costruire di incantevoli

Renard Speed Shop BMW R90/6, schegge di TT
Tallinn e quel legame col TT
Nel mondo delle due ruote l’Estonia è anche tristemente famosa per la gara in cui nel 2000 trovò la morte il più grande road racer di sempre, Joey Dunlop, fuori Tallinn. Il legame con il Tourist Trophy e questa nazione continua (in maniera decisamente molto più propositiva) grazie all’ultima nata del garage Renard Speed Shop, una BMW R90/6 ispiratissima alle moto che correvano sull’isola di Man negli anni Quaranta.



Le forme sono un tributo alla BMW Type 255 Kompressor che vinse sull’isola nel 1939 con in più delle doti ciclistiche ovviamente moderne.
La donatrice è appunto una BMW R90/6 in buone condizioni ma la stessa è stata revisionata partendo dal motore che ha guadagnato nuove guarnizioni, rettificato i cilindri e ricostruito i carbutratori. Bello il nuovo airbox che accoppia l’originale con degli sportivissimi cornetti di aspirazione.
Ma è sulla parte ciclistica e d estetica che gli estoni hanno dato il massimo: il telaietto posteriore è stato tagliato e adattato per poter accogliere il sellino monoposto in pelle con coda che richiama le vecchie Aermacchi.



Il serbatoio, altro elemento importante, è quello di una Moto Guzzi V7 anch’esso riadattato.
Per abbassare la linea la forcella anteriore originale è stata accorciata mentre per il retrotreno la coppia di ammortizzatori è stata avvicendata con due unità ad aria provenienti da una CZ da cross.
I cerchi Borrani originali sono stati risistemati e accoppiati a un impianto frenante ibrido che si basa all’anteriore su un mozzo ex Triumph Bonneville, un disco maggiorato e una pinza Beringer; per il posteriore la costruzione è stata analoga ma più complessa in quanto si è passati da un freno a tamburo a uno a disco: disco KTM, pinza di provenienza BMW R1200S e pompa Beringer.
Per quanto riguarda i dettagli, le gomme sono una coppia di poco performanti Firestone, le pedane sono le tricolori Tarozzi e il cockpit è completato da un elemento MotoGadget, molto bello, e controlli Beringer. I doppi scarichi sono classici cono - tronco conici. La realizzazione di questa motocicletta è impeccabile: ben fatta, sinuosa e non eccessiva da nessun lato, proprio quello che volevano da Renard Speed Shop.


 
NOTIZIE CORRELATE
  • Scooter
    26 Maggio 2017
    Come di consueto al Concorso d’Eleganza di Villa D’Este BMW svela prototipi che ci fanno capire qual è la sua visione del futuro. Quest'anno è il turno del Concept Link, uno scooter 100% elettrico e, soprattutto, completamente connesso alla rete e al pilota grazie alla giacca “intelligente” che traduce in comandi concreti i movimenti di chi la indossa
  • Fuoriserie
    22 Maggio 2017
    Passare da una turistica a una streetfighter? Si può fare. E se la base è una bestia con maximotore derivato dal V8 della Chevrolet Corvette ci si può divertire parecchio
  • Fuoriserie
    19 Maggio 2017
    L’ex pilota canadese, ora meccanico geniale e altrettanto folle, ha costruito un prototipo con il motore di una vecchia Ferrari 308. Ne ha fatti anche altri due con il V6 della Dino: non contento, ha messo il turbo