Intervista a Danilo Petrucci: “Sorpreso dalla costanza di Dovizioso”

MotoGP news - Alla vigilia del Gran Premio di Misano abbiamo parlato con Danilo Petrucci, che ha fatto il punto sulla sua stagione, ci ha parlato delle difficoltà avute con la nuova carena e di Andrea Dovizioso: "Il suo segreto è come usa dolcemente l'acceleratore"

Intervista a Danilo Petrucci: “Sorpreso dalla costanza di Dovizioso”
Stagione tra alti e bassi
Durante il GP di Misano abbiamo potuto parlare con Danilo Petrucci, che, dopo il buon terzo posto firmato al Mugello, ha poi ottenuto un'altra bella prestazione davanti al pubblico di casa.
Il pilota di Terni, alla guida della Ducati Desmosedici GP versione 2017, come quella dei piloti ufficiali della casa di Borgo Panigale, ha cominciato parlando dei "rivali" di casa: “Non sono sorpreso che Dovizioso e Lorenzo siano davanti a me, anche se per quest’ultimo si è trattato solo di un paio di gare. In classifica ho cinque ‘zeri’, quattro di questi non sono dipesi direttamente da me. La classifica è questa nonostante alcuni buoni risultati, ce la posso ancora fare ad arrivare davanti a Lorenzo. Questo non è il mio obiettivo principale della stagione, anche se sarebbe bello”.
Un posto nel team ufficiale per Petrucci sarebbe importante e non crede che sia una questione definitivamente chiusa: “Per il prossimo anno, 2018, non c’è posto, dato che i contratti sono biennali per entrambi i piloti. L’anno prossimo rimarrò nella stessa posizione in cui sono quest’anno. Vedremo dopo le prime gare, quando saremo tutti in scadenza di contratto, cosa succederà”.
La prima parte di stagione è stata molto buona per il portacolori del team Pramac, che ha collezionato ben due podi, un terzo posto al Mugello e un secondo ad Assen, in Olanda. La seconda, invece, è iniziata con qualche problema: “Nelle ultime due gare ci sono state delle difficoltà in più. A Brno ero, fino a cinque giri dalla fine, ipoteticamente sul podio e poi ho chiuso settimo, non era una gara da buttare via. Certo che anche a me sarebbe piaciuto fare meglio. In Austria ho potuto lavorare tutto il fine settimana solo con una moto, partivo in seconda fila e poi come se non bastasse si è rotta la moto dopo solo tre giri. L’ultima gara è stata un po’ condizionata dagli eventi: nelle fp3 aveva piovuto e non sono potuto rientrare nei 10. In FP4 avevo avuto un passo decente, ma in qualifica sono caduto per non tirare giù gli altri con le gomme fredde, quindi da lì è stata un po’ in salita. In gara avevo recuperato fino al decimo posto e poi è andata a finire come avete visto tutti (ritiro per problema tecnico ndr)”.
Petrucci ha confermato di aver ricevuto un’offerta da Aprilia per fare coppia con Aleix Espargaro nel team di Noale, ma ha preferito restare nel team Pramac per la stagione 2018 e ha spiegato: “L’offerta di Aprilia era sicuramente buona. Li ringrazio per avermi voluto così fortemente, però mi sembrava brutto nei confronti di Ducati fare metà stagione da separati in casa. Avrò un altro anno per vedere se sarò pronto per il team ufficiale Ducati, in vista del 2019. In Ducati mi hanno sempre trattato bene, ho preferito rimanere con loro e staremo a vedere come andrà il prossimo anno”.
Con la nuova carena non si è trovato a suo agio, e ha raccontato: “Le difficoltà in Austria erano dovute al fatto che il mio impatto aerodinamico era maggiore e non riuscivo a essere veloce nei rettilinei, perdevo troppo, nonostante recuperassi in staccata. Sicuramente staranno andando avanti gli sviluppi Ducati, ma non so di cosa si tratta. A Misano avrò la seconda carena, che avevo già provato in precedenza, magari potrebbe funzionare, ma non è la prima cosa che dobbiamo fare per il fine settimana di Misano”.
Tra “Petrux” e Andrea Dovizioso ci sono delle somiglianze: “A volte uso qualche elemento che poi anche Dovi userà nella gara successiva. La cosa più importante è che io e Dovi abbiamo uno stile di guida simile e quindi abbiamo bisogno, più o meno, delle stesse cose. È importante spingersi l’uno con l’altro, confrontare i miei dati con i i suoi. Non so se il mio lavoro gli è utile, ma lo spero. Da lui sono sorpreso non tanto per la velocità, quanto per la sua costanza. Sicuramente la moto è migliorata, ma lui è più forte di prima. Non è tanto più veloce di me, ma sfrutta meglio la moto e per me questo adesso non è possibile, soprattutto nella seconda parte di gara. Con il mio stile di guida consumo troppo il posteriore. Dovi non ha nessun segreto particolare, ma è molto dolce con l’acceleratore”.
COMMENTI
Ritratto di giggio
06 Febbraio 2013 ore 09:03
Lo scudo proteggerà anche bene, ma sto scooter quel faro mi fa quasi impressione...
Ritratto di VespaET2
07 Febbraio 2013 ore 11:44
Downtown per sempre
Ritratto di paolo49
02 Ottobre 2013 ore 21:04
mi chiedo come vengano fatti i rilevamenti sulla potenza alla ruota, non mi sembra possibile che la potenza dichiarata sia di cav, 21,8 ed alla ruota ben 18,7 è molto strano la kimco userebbe su uno scooter economico tecnologie che nega a quelli che costano quasi il doppio perdendo solo la metà di quello che perdono tutti gli altri della stessa marca e quasi tutti quelli delle altre marche fatta eccezione per i giapponesi e gruppo Piaggio . strano non ho trovato nulla nei vs. articoli in merito e quindi suppongo che sia un errore tipografico .grazie
 

PROSSIMO GP

MotorLand Aragon 2017
ORARI
Venerdì 22 Settembre
FP109:55 - 10:40
FP214:05 - 14:50
Sabato 23 Settembre
FP309:55 - 10:40
FP413:30 - 14:00
Qualifiche14:10 - 14:50
Domenica 24 Settembre
Gara14:00

NEWS MOTOGP

  • MotoGP 2017 risultati prove libere fp1 Spagna – L’azione sulla pista spagnola è stata rallentata dalle precipitazioni e solo negli ultimi 20 minuti i piloti hanno potuto sfruttare il turno di prove libere. Marc Marquez è subito davanti, seguito dal compagno di squadra Pedrosa e al terzo posto c’è la Yamaha di Johann Zarco. Diciassettesimo Valentino Rossi, tornato in pista dopo soli 22 giorni dall’infortunio
  • MotoGP news – Il Ducati team arriva ad Aragon con buone sensazioni: Andrea Dovizioso darà il massimo per riprendersi la vetta della classifica su una pista dove il suo miglior risultato finora è un terzo posto, mentre Jorge Lorenzo, che qui ha già vinto due volte, spera di ottenere un buon piazzamento davanti ai suoi tifosi di “casa”
  • Secondo le indagini della Procura di Rimini se l’automobilista avesse rispettato i limiti di velocità, l’incidente si sarebbe potuto evitare. Questo è quanto è stato stabilito dalle perizie effettuate dopo l'incidente tra Nicky Hayden, che si stava allenando in bicicletta, e un'automobile guidata da un 30enne. Le indagini stanno proseguendo e all'automobilista viene contestato l’omicidio stradale. Ecco le motivazioni